Due solitudini

Ho seguito la tua veste nera.
Su strade strette ed assolate,
senza farmi notare.
Un filo del tuo profumo svolto nell’aria
ed un fragile canto.
Ora, immobile alla tua porta,
il cuore sussulta e bussa nel petto.
L’aria calda avvolge il tempo
e rende ancora più sordi i rumori.
Da una finestra uno sguardo fugge ai miei occhi.
Ti riconosco, o dama dei miei pensieri.
La porta si apre e mi sorridi.
Nel fresco di queste pareti
cerco le pagine dei tuoi segreti.
La tua pelle nuda è un disperato riposo.
Mi offri il tuo corpo in cambio di un cuore.
Cammino esausto sulla strada deserta.
Perdo emozioni come sassi da un sacco bucato.
Due solitudini non sono mai una somma di due numeri uno.
.
..

….

Annunci

4 thoughts on “Due solitudini

  1. Due solitudini possono inseguirsi, cercarsi, poi forse, qualche volta, amarsi e magari raramente ne uscirà fuori una somma, ma il più delle volte, no. E dall’inseguimento resta un senso di stanchezza. Però… però anche di dolcezza, in quel filo di profumo, quell’aria calda che avvolge il tempo, quello sguardo fugace alla finestra e quella porta aperta con un sorriso, che sembrano in fondo anche emozioni trovate, e non solo perdute.

  2. bluamelie: grazie per aver condiviso. Ciao

    DolceNera: emozioni… sorriso!

    intempestivoviandante: hai ripercorso le parole cogliendo le immagini. Meglio di così!
    Grazie del tuo pensiero.
    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...