Volo a raso

Quando le parole non ti rispecchiano
o non ti rispettano,
si burlano delle tue emozioni
e se le giocano nel silenzio di un foglio bianco.
Dicono che capita.
E’ solo stanchezza,
è colpa di quest’aria tiepida di un autunno anomalo,
così piovoso
da nasconderci dentro le lacrime con la pioggia.
E se le parole latitano,
come fai a chiedere aiuto,
a far sentire nella nebbia la voce dei pensieri
e capire che è ancora vero, quel tuo desiderio.
Vibrare alla frequenza del cuore,
un’immagine poetica dentro una frase,
e volare come i pipistrelli senza vedere
ma aspettando temerari un segnale di ritorno.
.
..

….

Annunci

6 thoughts on “Volo a raso

  1. “Esiste un momento in cui le parole si consumano e il silenzio inizia a raccontare” – (K. Gibran)
    E’ quel silenzio che la sera ascolto quando le ombre prendono i contorni delle cose, quando in perfetto equilibrio anche l’aria riposa. Silenzi raccolti dentro la tenda di una finestra chiusa, dentro una strada che diventa sempre più scura.
    Adesso fuori c’è solo rumore di pioggia e pensieri di nebbia. Lampioni che illuminano gatti di strada e infreddoliti pipistrelli.
    Emozioni e lacrime che si posano sui tuoi versi, in assoluto silenzio.

    Complimenti, bellissima poesia.
    Un abbraccio Spazio
    carla

  2. carla: le tue parole sono un respiro di emozioni ed anche se arrivano senza un suono, è come se fossero dette guardandosi negli occhi.
    Grazie per questa condivisione e “troppo buona” nel giudicare queste mie piccole parole! 😉
    Un abbraccio a te.

  3. E’ vero, le “Parole”, che spesso purtroppo hanno il grande potere di saper ferire più di una lama tagliente, a volte latitano, oppure sono insufficienti ad esprimere la reale intensità, il reale palpito delle nostre umane emozioni! Possono tuttavia, in alcuni casi, essere sostituite dallo sguardo… gli occhi infatti talvolta riescono a parlare più di mille parole…oppure dalla Musica, che usa un linguaggio universale alquanto efficace. Le “Parole” sono fatte anche di frusci e di sussurri, se non addirittura di silenzi: il cui “rumore” in realtà è un vero e proprio urlo lacerante…Le tue “parole, che ho scoperto per caso, mi hanno talmente colpita che ho deciso di iscrivermi. Ciao, ti auguro una buona serata. Un sorriso dalla Sicilia 🙂
    Antonella

  4. Lady: è come dici. Ci sono mille altri modi per sopperire alle parole. Ma quando le parole servono a te stesso, è più difficle farne senza. Grazie per il tuo pensiero.
    Ricambio il sorriso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...