Aspri pensieri

Un artiglio di guerra
che squarcia i ricordi, i sorrisi
e le voglie sparse sui giovani prati.
Il fumo acre della paura
riveste di nero i pensieri;
tutto brucia da dentro
e si piega distrutto per terra.
A te, che non l’hai voluto.
A me, che non ti ho difeso.
A voi, che lasciate che sia.
La guerra scava sotto i piedi di ognuno.
Nessuna parola può confortare
chi piange la vita,
chi paga il debito altrui.
Brindano i signori di guerra e di morte,
banchettando in onore di un dio,
senza sembianze di un uomo.
Lasciamo fare,
evitando di guardare lontano
dalla nostra apparente fortuna.
“Siamo prigionieri della nostra stessa libertà”
e dimentichiamo il tempo di amarci
in un tempo di pace.
Ci sono rumori che non ci disturbano.
Ci sono silenzi che non ci imbarazzano.
Ci sono sguardi che non vogliamo incrociare.
Ed il resto,

è soltanto inquietudine
malcelata da frettolosa follia.
.
..

….

Annunci

2 thoughts on “Aspri pensieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...