Un volo nelle nuvole

Volevo parlarti della solitudine. Sai, quella cosa che non capisci quando arriva, fino a che non senti un freddo dentro il petto ed il sorriso è solo una smorfia, metà dolore, metà rassegnazione. Volevo parlartene perchè i tuoi occhi mi guardavano spenti, senza vedermi. Ed io conosco i tuoi occhi quando hanno i colori, quando sono arcobaleni che spuntano dopo la pioggia. Ho pensato a te tutto il giorno, ho programmato ogni parola, ogni metafora. La sera avrei voluto farti felice. Una sorpresa che non prevedeva un regalo, ma un assaggio di vita, in mancanza di quella che tu hai lasciato appesa in un angolo buio della tua stanza.
Ho guardato le nuvole venendo da te. Nuvole bianche, innocue, piccole macchie nel cielo azzurro. Ecco un dinosauro che si sta trasformando in un cavallo, poi un’onda che si abbatte sullo scoglio e poi un viso che sorride o forse piange. A piedi puoi fantasticare, guidando un pò meno, anche se a volte, e tu me lo ripeti sempre, lo faccio lo stesso.
Ho superato il ponte sul fiume. La piena dell’ultima notte è passata ed ora l’acqua scorre lenta, senza fretta, sospirando versi ai poeti e vecchie leggende ai vecchi sulla panchina.
Quante cose devo raccontarti. Ho visto molti funghi nel bosco ed ho trovato quelli buoni, quelli che tu vorresti sempre trovare prima di me. Una sfida che spesso perdo, anche perchè molte volte fingo di non vederli e li lascio per te.
Chissà se i tuoi occhi si sono accesi. Chissà se quella lotta nel cuore è cessata. Ho bisogno di te, anche se in questo momento sei tu ad aver bisogno del mondo.
Quanta gente per la strada che porta alla tua casa. Un lampeggiante è ancora acceso, gli sguardi si fissano sui fiori che porto. Non sanno che sono per te.
Mi avvicino alla casa. La tua porta è aperta ma non per me, che sei volata via con quelle nuvole, lasciando il sorriso sul tuo cuscino e la tua solitudine nel mio cuore.
.
..

….

Annunci

7 thoughts on “Un volo nelle nuvole

  1. Ogni periodo, ogni parola, ogni piccola pausa, trovo sia splendida… ma mi fermo, mi inchiodo su poche parole ‘ho bisogno di te”… che forse sono le cose più belle che un uomo possa dire a un’ altra persona, che essa sia dello stesso sesso o di sesso opposto. Ti sorrido. Ciao a te che conosci la poesia dei respiri…e dei Sospiri.

  2. L’ha ribloggato su L' Eco del Ventoe ha commentato:
    Ci sono scritti di anime amiche che leggendoli e poi chiudendo i miei occhi hanno la capacità di darmi la sensazione di ascoltare il canto degli angeli.

  3. Ho visto il reblog da laura e sono venuta a leggere ,le lacrime stanno scorrendo sul mio volto ,spero tanto che non sia una cosa veramente accaduta anche se il cuore mi suggerisce di si!
    Ciao
    liù

  4. Laura: non ho molte parole per rispondere alle tue, così belle anche se non penso così meritate. Sono contento che le emozioni descritte nei post possano superare le barriere della distanza, l’incertezza di sapere chi vive dall’altra parte dello schermo. Grazie di questo tuo sentire.

    Ps: tempo fa scrissi un post per parlare di queste parole “ho bisogno di te”. Ha per titolo “Ne fai parte anche tu”. Forse è proprio questo aver bisogno dell’altro una forma d’amore. L’importante è che il bisogno non diventi una dipendenza, ma un ricevere per dare.
    Un grande sorriso. Buona giornata.

  5. Riuscire a lenire la solitudine di un’altra persona è la forma più alta di Amore…com’è difficile arrivare dove ci sono muri insormontabili! fai bene a lanciare questi pensieri ed affidarli al vento, lui magari così distratto potrebbe portarli là dove non arriva niente, qualcosa a me ad esempio è arrivato anche se non sono lei può bastare lo stesso.

    Grazie,

    Giusy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...